Cristina LarcherETB Library

Mission Impossible

by for .  Last edit was last month
45 - 604 - 12

Attività di facilitazione creativa per sfidare i limiti reali o presunti.

Goal

Per creare qualcosa di nuovo, oppure migliorare/modificare qualcosa in modo significativo, che sia un prodotto, un servizio o ad es. un processo.

In questa attività i partecipanti prendono qualcosa di esistente (prodotto, processo, o idea,..) e ne cambiano un aspetto fondamentale che ne rende "impossibile" la funzionalità o fattibilità. Ad es.

> come costruiamo una casa.... in un giorno?

> come creiamo un dispositivo mobile.... senza batteria?

> come sarebbe un motore di ricerca.... senza connessione internet?


Attachments

Materials

    Instructions

    Scegliere una questione /un tema che coinvolga sia la parte emotiva che razionale delle persone. Un dispositivo mobile senza batteria  sarebbe una questione tecnologica (razionale) unita ad una questione anche emozionale (creare un mondo migliore) . Formulate bene la domanda e spiegate la sfida al gruppo.

    Suddividete i partecipanti in sottogruppi di 2 o 3 persone e assegnate 30 minuti di lavoro, in cui i gruppi potranno generare idee per la domanda impossibile. I sottogruppi possono a loro volta lavorare con post-it per generare idee. 

    Se lavorate in remoto, potete utilizzare le breakout rooms.


    NB: potete anche preparare e distribuire un elenco di domande che favoriscano la generazione di idee, come ad es.:

    * Quali nuovi benefici o quali nuove caratteristiche potrebbero nascere da questo vincolo?

    * Perchè si tratta di una caratteristica o un vincolo tipico per il tema scelto?

    * Quali sono gli elementi centrali che sono in conflitto?

    * Gli elementi in conflitto possono essere eliminati, sostituiti o modificati in qualche modo?

    * Quali effetti possono avere variabili quali il tempo, lo spazio, i materiali, il movimento, il contesto o l'ambiente?

    Al termine dei 30 minuti i gruppi presentano il proprio lavoro in plenaria.

    A questo punto è possibile identificare cluster/elementi comuni che possono rappresentare possibili soluzioni da sottoporre a successive esplorazioni e valutazioni.

    Questa attività si dovrebbe concludere identificando e condividendo i passi successivi.


    Background

    L'autore di questa attività è James Macanufo. Io la ho presa dal libro "Gamestorming", vedi anche www.gamestorming.com


    Comments (0) 

    Please Log in or Sign up for FREE SessionLab account to continue.